spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
Home arrow Visita d'istruzione a Strą (VE)
 
                           VISITA D'ISTRUZIONE A STRA' (VENEZIA)

Sabato 16 aprile 2016 è stata organizzata dall'educatore Orlando e dal convittore Boni  una visita d’istruzione alla villa Pisani di Stra (Ve), detta anche per la sua grandezza e bellezza, “ La Regina delle Ville Venete” .

Hanno partecipato, oltre agli organizzatori,  gli allievi Apicella, Balan, Mazza, Staver, Zamparo  e le allieve Curcetti , Pistis, Saghin  e Mary De Tata, loro amica udente.

La Villa e il Parco esteso 11 ettari, sono piaciuti moltissimo e in particolare il labirinto, famoso perché lo scrittore D'Annunzio  vi ha ambientato il romanzo “ il Fuoco”.

Anche la Storia della Villa, spiegata con dovizia di particolari nonché dotta sapienza dall'educatore Orlando, ha destato molto interesse.

La Villa, fatta costruire dal nobile veneziano Alvise Pisani, procurò al suo proprietario una tale fama da favorirne l'elezione a Doge nel 1736. Alvise fu il centoquattordicesimo Doge e per questo la Villa fu dotata di 114 stanze !

Il Grande Salone  della Villa fu affrescato dal famoso  pittore veneziano Gianbattista Tiepolo.

il vizio del gioco  spinse  i Pisani a indebitarsi rovinosamente e per questo si trovarono costretti a vendere la villa a Napoleone Bonaparte che era diventato re d'Italia nel 1805, l'11 gennaio 1807, per 1.901.000 di lire venete.

Dentro la Villa c' è la sua stanza con bagno annesso, una vera rarità per quei tempi,  che  regalò al figlio della moglie Eugenio Beauharnais, nominato vicerè del Regno d'Italia.

Caduto Napoleone, la villa passò agli austriaci e poi ai Savoia; infatti nella villa c'è la stanza di re Vittorio Emanuele II e della moglie morganatica detta “la bella Rosina”.

Nel 1934 nella villa ci fu l'incontro di Hitler con Mussolini per  preparare  l'alleanza con la Germania Nazista.

Dopo un periodo di decadenza, anche per l'intervento dell'Ente Ville Venete, fu restaurata negli anni sessanta e settanta e recentemente , grazie ai Fondi Europei, sono state aperte nuove sale con l'acquisto di mobili antichi e restaurate molte parti della Villa.

 
   
 
 
spacer.png, 0 kB
   
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB